Adv

beaurifulA Torre del Greco si sta verificando un fatto del tutto particolare. Da un po’ di tempo è venuta a crearsi una sorta di “telenovela” che di fatto tende a lasciare col fiato sospeso tutti quelli che la seguono. Questi fatti si susseguono oramai dal lontano luglio scorso, quando il sindaco della città decise di dimettersi a seguito del voto contrario che ricevette nel consiglio comunale, traendone la conclusione che non aveva più la maggioranza. A creare questa situazione furono 5 consiglieri che erano stati eletti nella coalizione con il Sindaco, ma che per il mancato rispetto degli accordi elettorali avevano inscenato questo “sciopero” per rivendicare i loro “diritti sindacali”.
Da allora è nata questa telenovela che vede i “due amanti” che si separano e si rimettono insieme come una qualsiasi diatriba tra innamorati senza pensare che tutto ciò non fa che ricadere sulle spalle dei cittadini perchè, oltre a non creare possibilità di sviluppo in quanto gli assessori cambiano di frequente e non c’è il tempo di organizzare nulla, si spendono risorse senza nessun ritorno in servizi.
Il tira e molla va avanti ormai da 4 mesi e se da un lato ci siamo appassionati (perchè l’italiano medio è sempre coinvolto dalle telenovelas), dall’altro ci rendiamo conto che se un amore non è corrisposto è meglio che si tronchi per evitare che si degeneri e si cada nel più becero dei tradimenti diventando “cornuto e mazziato”.
Per sapere come va a finire, sintonizzatevi venerdi 27 novembre con la diretta di Palazzo Baronale… to be continued.

Geppi Pizza

Di Redazione

Siamo una community web che fa informazione senza filtri, le nostre news saranno arricchite da testimonianze provenienti direttamente dai territori. Il nostro progetto prevede, infatti, la collaborazione di tanti gruppi territoriali: i cosiddetti "nidi dell’informazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.