Adv

Strisce Blu a Torre del GrecoMercoledì 27 aprile alle ore 11 presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Torre del Greco, è stata consegnata la petizione che richiede l’abolizione delle strisce blu con le relative firme (circa 700) raccolte in questi mesi, momento istituzionale fondamentale, perché rappresenta il passaggio nelle mani di chi decide della volontà dei cittadini manifestata su uno degli argomenti più dibattuti e controversi, le famigerate strisce blu. Il meet up amici di Beppe Grillo di Torre del Greco e il gruppo del Movimento 5 Stelle con il consigliere comunale Ludovico D’Elia che ha fatto da fondamentale raccordo istituzionale, dopo un percorso che ha dapprima raccolto le idee dei cittadini sulle possibili soluzioni da adottare per la sosta delle autovetture nella nostra città, e ha poi stilato la petizione con relativa raccolta delle firme grazie a numerosi momenti di aggregazione con gazebo posizionati in diverse zone della città, hanno consegnato il lavoro fatto in questi mesi con richieste ben individuate e specifiche sulla gestione della sosta nella nostra città. La prima richiesta è quella di ripristinare il disco orario e rendere libera la sosta, ma qualora ciò non venisse accettato dall’Amministrazione Comunale, si proceda finalmente ad un’analisi specifica sulla gestione in house del servizio, quindi direttamente dall’amministrazione con impiegati comunali, condizione che di sicuro porterebbe ad una gestione più economica del servizio ma sopratutto più flessibile, equa e attenta alle reali esigenze del territorio, perché basata su principi di solidarietà nella previsione di tutta una serie di agevolazioni per residenti, ceti sociali svantaggiati, disabili e pendolari, perché un servizio è tale se eroga un beneficio al consumatore e non diviene solo una tassa mascherata e quindi un modo alternativo per mettere le mani nelle tasche dei cittadini già abbondantemente tartassati.

Di Giacomo Mennella

L'ho immaginata come un'opportunità per partecipare attivamente alla vita sociale della mia città. Un modo per rielaborare il mio vissuto quotidiano, in un contesto sempre più complesso e preoccupante dove una web community ha il compito sopratutto di "stimolare le coscienze". La mia forza è sempre stata l'indipendenza e la voglia di ricercare forme di inclusione attraverso le quali creare partecipazione, tenendo sempre a mente l'obbiettivo finale da raggiungere: il miglioramento delle nostre attuali condizioni di vita partendo dalle piccole cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.