Adv

viaggiatoreAvevo tre buoni propositi per settembre: mettermi a dieta, andare a messa la domenica, e tornare a scrivere articoli.
Siccome al primo fine settimana utile i primi due sono andati in fumo (e in arrosto), voglio impegnarmi a realizzare almeno il terzo. E quindi, eccomi qui.
Prendendo spunto dai divertenti siparietti che mi racconta mia mamma nei weekend: “Ho visto la signora Antonietta, ha detto ‘Ma Giuseppe non lo vedo da tempo… sta lavorando fuori?’ – ‘No signò, sta qua, per fortuna… è solo che tiene sempre cche’ffà'”.
Ebbene, io sto qua. Lavoro a 25 km da casa per 10/11 ore al giorno, sono uno dei pochi della mia comitiva, soprattutto dei miei amici universitari, che la sera può rivedere la famiglia senza dover prendere l’aereo o il Frecciarossa. Non so se questo per il mio futuro sia davvero una fortuna, tutto sommato credo di si.
Giustamente, a voi della signora Antonietta fregherà poco e niente. Però metti che a un certo punto, d’estate, prima dei servizi su quando è opportuno prendere il sole e i consigli per gli anziani in città, a tenere banco nei tiggì siano gli sbarchi degli immigrati, di quelli fortunati che ci arrivano vivi e di quelli che si arenano morti sulle spiagge tra l’indignazione buonista di mezza Italia e le paroline ignoranti a mezza bocca dei vari “Aiutiamoli a casa loro / Io non sono razzista ma… / Il lavoro manca per noi figuriamoci per loro” e via discorrendo.
E niente, così a colpo d’occhio la cosa non ha senso… noi ce ne andiamo e loro vengono ? Si, è proprio così.
Solo che al telegiornale non mi è capitato di vedere nessun servizio sul rapporto dell’OCSE sulle migrazioni in Europa, che ufficializza quello che sospettavo da tempo: il saldo migratorio italiano è passivo.
E che significa? Parlando a pane e puparuoli, sono più i “cristiani” che se ne vanno, che quelli che vengono.
Tanto che a Londra, il Primo Ministro sta prendendo provvedimenti perché ci sono troppi italiani. Anche là, sotto la pettola della Regina Elisabetta, tra un tè e un pasticcino, la signora Brown e il signor Smith staranno cofecchiando di questi immigrati italiani che rubano il lavoro ai loro piccerilli.
I nomi sono inventati ma la storia è verosimile.
Come si deve fare allora? Ognuno deve starsene a casa propria? No.
Ognuno è cittadino del mondo, ognuno deve essere libero di spostarsi e di trovare il luogo dove realizzarsi nella vita, secondo me.
Certo, a riflettere vengono fuori un altro paio di dati di fatto a cui sicuramente la signora Antonietta, tra la spesa dal fruttaiuolo e quella del macellaio, non avrà riflettuto. Primo, quelli che vengono qui, non è che si fanno la traversata del Mediterraneo per sfizio: solitamente, non cercano il luogo dove realizzarsi, ma quello dove sopravvivere, perché tiene la casa bombardata mentre noi ci lamentiamo della puzza nei treni (la quale, solitamente, non è puzza ma la percepiamo come tale perché gli individui di ramo negroide hanno geneticamente un diverso odore della pelle, insolito per noi europoidi); invece, chi parte dall’Italia, è istruito, laureato, ambizioso, sognatore, il più delle volte semplicemente e giustamente scoglionato da questo paese che, come il treno dei desideri di Celentano, all’incontrario va.
La seconda cosa è che gli immigrati, in Italia, versano più tasse di quanto realmente ricevono in servizi. In un certo senso, sono loro che mantengono noi, e pagano la pensione alla signora Antonietta.
Ma tutto questo, ‘Ntunetta non lo sa.

Di Giuseppe Mennella

Giornalista certificato dall'Albo, laureato in Culture Digitali e della Comunicazione con il massimo dei voti, appassionato di attualità e politica. Queste tre cose creano il presupposto ideale per una condizione oggi abbastanza comune: "lavorare gratis" Ma piuttosto che farmi spennare dai direttori dei giornaletti, che tanto si sa, li comprano solo i dottori per le sale di attesa e i fruttivendoli per arravugliarci le percoche, ho deciso: rimetto il piumaggio e divento "aucelluzzo" pure io. Nella vita reale mi occupo di distribuzione informatica, sul web faccio il rompiscatole professionista ed il videomaker per passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.