Adv

OMME E BASTAL’Omme si sa non nasce, non ha un dna che lo fa tale. Omme s’addeventa, direbbe mia madre, fresca l’anima sua!
Mi immagino in Paraviso:
SanPietro – E tu chi sì!!
l’Omme – Comme chi songhe, SanPiè sò l’Omme!
SanPietro – Ah ssì l’Omme? e che Omme ssì?
l’Omme – Dipende Sanpiè dall’occorrenza, dalla situazione, da come mi sento a rind’e a ffore.

OMME E CARTONE

Si fosse n’omme e cartone
che schiaffe ca te desse,
cazzimme tenesse pe’ parola
e sule ‘n’anzìria me putesse.

OMME E CONSEGUENZA

Statte sore, tiene a mmente:
nu fa mosse cu sta mane.
Ije te ferme cu na cèra
tenghe a panze pe’ crianze.

OMME E FIERRE

U marò statte accorte
ce sta l’acqua, te fa rammaggio,
leve l’uoje a ind’e vvene
te fa viecchio e arrepezzato.

OMME E BASTE

Mò levàte l’aggettivo
‘o proposite e ll’imperativo.
Ije songhe omme senza meno,
sò assoluto, comme a DDIO.

Di Biagio Fioretti

Biagio Fioretti nasce a Torre qualche anno fa; era di dicembre e proprio sulla linea di confine tra le due Torre. Manco a dirlo ci fu una gran disputa su chi dovesse trascrivere tanto natale. Vinse il Savoia proprio sulla Turris e tanto fu. L ‘unica certezza sulla quale gli storici concordano, è e fu sulla sua vesuvianità. Scrisse e studió in ragione di quel Vesuvio che amó e odió e ne fece sua dolce ossessione. Vive tuttora e da geologo, continua a sognare le vigne di uva caprettone della sua amara terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.