Adv

943903_10208303860696277_2884472871367554104_n
Nello Collaro

Ho un moto di rigetto quando sento che certe famiglie vengono etichettate “famiglie arcobaleno”. Mi riferisco alle manifestazioni di qualche giorno fa, tenutesi in tutte le piazze italiane, per rivendicare pari diritti per tutte le coppie di fatto.
Sono per la parità di tutti i diritti, tra chi sceglie il matrimonio e chi invece, opta per altre forme di unione.
L’amore è sempre amore e prescinde se la coppia, la famiglia è eterosessuale o dello stesso sesso. L’amore è amore sempre, pure per i figli e la loro adottabilità.
Com’è possibile prescindere da questa semplice e sconcertante essenzialità?
Uno stato di diritto, laico e moderno, dovrebbe tutelare ogni scelta, ogni forma che faccia e dica e coltivi un legame d’amore.
Amo la diversità, come ricchezza, come valore aggiunto. Non ho paura di chi non mi somiglia. Saperlo mi fa ricco dentro e coltiva la mia anima.
Per questo quell’arcobaleno è pure mio e lo difenderò sempre. Sia che dica pace, sia che dica amore.

Di Biagio Fioretti

Biagio Fioretti nasce a Torre qualche anno fa; era di dicembre e proprio sulla linea di confine tra le due Torre. Manco a dirlo ci fu una gran disputa su chi dovesse trascrivere tanto natale. Vinse il Savoia proprio sulla Turris e tanto fu. L ‘unica certezza sulla quale gli storici concordano, è e fu sulla sua vesuvianità. Scrisse e studió in ragione di quel Vesuvio che amó e odió e ne fece sua dolce ossessione. Vive tuttora e da geologo, continua a sognare le vigne di uva caprettone della sua amara terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.