Adv

Daniele Silvestri e Funky Pushertz, il gruppo di Torre del Greco in un featuring con l’artista romano.Daniele Silvestri e Funky Pushertz, il gruppo di Torre del Greco in un featuring con l’artista romano.Il pezzo si chiama Bio-Boogie ed è inserito nella track list del nuovo lavoro discografico ad etichetta Sony del cantautore romano Daniele Silvestri, apprezzato artista del panorama musicale italiano, che ha scelto anche il gruppo di Torre del Greco i Funky Pushertz per una collaborazione nel suo nuovo lavoro discografico dal titolo Acrobati uscito il 26 febbraio. L’artista romano ha selezionato i Funky Pushertz tra numerosi gruppi proposti per una collaborazione nel suo nuovo lavoro musicale soprattutto perché attratto dal sound che i ragazzi torresi da oltre dieci anni esprimono sulla scena locale e nazionale, a metà strada tra reggae, hip hop e funky, e così nasce il brano Bio- Boogie. Il pezzo contenuto nell’album è un inno alla cultura bio ma descritto con la solita spensierata e ironia che contraddistingue il gruppo torrese, e racconta il bio dal punto di vista di chi ne ha fatto uno stile di vita, ma magari si prende troppo sul serio trasformandolo in una psicosi, un racconto attuale e ironico su tutto ciò che gira intorno al mondo del bio. Un’esperienza che i cinque ragazzi torresi: Boom Buzz, Kayaman, Mastu Nzo’, Red Dog, Tonico Settanta, hanno vissuto con la solita passione e spensieratezza che il brano esprime in tutta la sua energia, rime ficcanti, ritmi continui e quella sana autoironia che non manca mai al gruppo torrese che porta a casa un’esperienza che arricchisce il già corposo elenco delle collaborazioni. Ma le sorprese non finiscono qui perché i Funky Pushertz sono pronti ad uscire con il loro prossimo lavoro a due anni da “La grande abbuffata”, album che ha premesso al gruppo di girare l’Italia da sud a nord raccogliendo tanti consensi e quell’apertura oltre confine partenopeo che i cinque giovani torresi auspicavano, con un primo singolo di prossima uscita.

Di Giacomo Mennella

L'ho immaginata come un'opportunità per partecipare attivamente alla vita sociale della mia città. Un modo per rielaborare il mio vissuto quotidiano, in un contesto sempre più complesso e preoccupante dove una web community ha il compito sopratutto di "stimolare le coscienze". La mia forza è sempre stata l'indipendenza e la voglia di ricercare forme di inclusione attraverso le quali creare partecipazione, tenendo sempre a mente l'obbiettivo finale da raggiungere: il miglioramento delle nostre attuali condizioni di vita partendo dalle piccole cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.