Adv

scale-della-ripaAddò starrai èvere e mura

senza ‘a Ripa a te cummiglià,
a te fa viente quanne ‘o mare saglie
e comme ‘a giostra te fa ammuinà?

E tu uagliò, ca tiene ‘o core mmane,
tu ca sì ‘nammurate e Puppenella,
addò t’a strigne senza a tt’assettà
senza ‘o sagli e scinne e chella Ripa?

Futtetenne tu, sinneche ‘ngrate
e tutte e poesie cantate allerte
‘ncoppe a chelli scale sule pe’ dispiette.

Tu pienze e machine, e parchegge
che te ne ‘mporte se struppìe ‘nu quartiere:
pe’ tte‘nu mure è sule ‘na parete,
pe’ tte ‘na scalinate è sule fetenzia.

Di Biagio Fioretti

Biagio Fioretti nasce a Torre qualche anno fa; era di dicembre e proprio sulla linea di confine tra le due Torre. Manco a dirlo ci fu una gran disputa su chi dovesse trascrivere tanto natale. Vinse il Savoia proprio sulla Turris e tanto fu. L ‘unica certezza sulla quale gli storici concordano, è e fu sulla sua vesuvianità. Scrisse e studió in ragione di quel Vesuvio che amó e odió e ne fece sua dolce ossessione. Vive tuttora e da geologo, continua a sognare le vigne di uva caprettone della sua amara terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.