Adv

La Cives inter pares, neonata associazione che tra i suoi vari focus ha la salvaguardia e la tutela dell’ambiente ha lanciato nella giornata di ieri l’iniziativa ” ‘O Mare è ‘o Nuost'” annunciando una serie di interventi volti ad attirare l’attenzione sul tema mare a Torre Annunziata.

Sui canali ufficiale leggiamo:

🔴 Operazione ‘O mare è ‘o Nuost’🔴
Considerati i recenti avvenimenti di inquinamento del nostro mare documentati anche da numerosi video e foto che alcuni nostri concittadini hanno condiviso sui social network, #Civesinterpares ha deciso che non è più tempo di restare a guardare!
Per noi Torre Annunziata dovrebbe essere una città a chiara trazione balneare. Se qualcuno o qualcosa inibisce questa naturale predisposizione allora crediamo che #tutti debbano #ribellarsi.

Continuano inoltre dicendo:

L’appello che lanciamo, in maniera trasversale a chiunque vorrà coordinarsi per future azioni, è quello di #collaborare per il bene del nostro mare.
Intendiamo scendere in campo con una serie di iniziative per #denunciare, #promuovere e #sensibilizzare.

 

L’associazione ha anche fatto partire una petizione a sostegno di un Esposto alla procura della Repubblica:

La nostra prima azione è stata presentare un esposto alla Procura della Repubblica che vi chiediamo di sottoscrivere al seguente link

▶️▶️▶️ http://chng.it/fVK2b9HT4g ◀️◀️◀️

Ci aspettiamo che i cittadini, le associazioni, i proprietari dei lidi e tutti i commercianti della città si uniscano a questo appello.

Ci auguriamo che molte persone aderiscano all’iniziativa dei “Cittadini alla Pari” di Torre Annunziata.11:47:58

Di Redazione

Siamo una community web che fa informazione senza filtri, le nostre news saranno arricchite da testimonianze provenienti direttamente dai territori. Il nostro progetto prevede, infatti, la collaborazione di tanti gruppi territoriali: i cosiddetti "nidi dell’informazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.